Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
Accademia di Belle Arti di Napoli
ISPF-CNR
Istituto per la storia del pensiero filosofico e scientifico moderno
Consiglio nazionale delle ricerche
QUIDRA
Ricerca e sperimentazione sui linguaggi delle scienze umane
e delle arti audiovisive e musicali

Rosario Diana – Fiorinda Li Vigni – Nera Prota – Rosalba Quindici
presentano
SCENE DEL RICONOSCIMENTO: MILTON, HEGEL, CAMUS
una trilogia di opere-reading scritte e dirette da Rosario Diana
a partire da un saggio di Fiorinda Li Vigni
con musica di Rosalba Quindici

Il tema
Il “riconoscimento” (della dignità, di un diritto, di uno “status”, ecc.) è una questione trasversale nella filosofia occidentale contemporanea e un problema cruciale in questa nostra epoca interculturale e sensibile alle responsabilità intergenerazionali.

La trilogia
Il saggio di Fiorinda Li Vigni (Segretario generale dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici) – Figure del riconoscimento. Milton, Hegel, Camus – è alla base di un progetto articolato in tre opere-reading, scritte e dirette da Rosario Diana, con musica di Rosalba Quindici, dedicate alla declinazione del tema del riconoscimento in Milton, Hegel, Camus e alle sue possibili diramazioni.
Ogni spettacolo (durata media di 40 minuti) è preceduto da una breve lezione di Fiorinda Li Vigni.

I.
Gli Archetipi
Paradiso perduto di John Milton

interpreti
Valentina Acca (Eva) – Lino Musella (Satana)
percussioni
Lucio Miele
voci fuori campo
Lorena Grigoletto – Robin Lindsay – Armando Mascolo
realizzazioni multimediali
Ruggero Cerino
fonica e luci
Alfonso La Verghetta
ISL Italy Sound Lab

Primo “capitolo” della trilogia.
Teatro della Filosofia e delle Arti, presso la sede napoletana dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano – via Monte di Dio, 14 –, 15 novembre 2018.

La questione del riconoscimento viene esaminata in un contesto archetipico: quello della narrazione biblica, trasfigurata nell’immaginario poetico miltoniano e contaminata con i miti del paganesimo greco-romano.
Nel Paradiso perduto (1674) il poeta inglese John Milton (1608-1674) illustra, intrecciandoli, due modi della ribellione e della disobbedienza, intesi come sforzi di affermazione di sé, votati alla sconfitta: la rivolta di Satana e la trasgressione di Eva e Adamo.
In un dialogo serrato con Milton, ma anche aperto a feconde infedeltà, il testo elaborato da Rosario Diana per lo spettacolo mostra nelle due figure di Satana ed Eva un comune bisogno di riconoscimento da parte del Padre, che si esprime con modalità, sentimenti e intenti diversi.

Video (estratto dallo spettacolo)

Breve lezione introduttiva di Fiorinda Li Vigni